0,00

3690 visualizzazioni

Aggiungi alla playlist
Vota:
Vuoi inserire questo video nel tuo sito? Copia e incolla il codice riportato sopra nella tua pagina web!

Facebook

Twitter

Costruire Green, sfida possibile! - seconda parte

Mario Zoccatelli

 

Presidente di GBC Italia

Il Presidente del Green Building Council Italia ci racconta la nascita, lo sviluppo e i diversi impieghi di questo nuovo strumento di costruzione "eticamente sostenibile", LEED. Mario Zoccatelli, presidente del Green Building Council Italia, è stato intervistato da Marco Mari per videodimpresa. Il Presidente ci racconta cos'è il sistema LEED e come si utilizza questo nuovo strumento di costruzione "responsabile".

Trascrizione

Intervista a Mario Zoccatelli, Presidente del Green Building Council Italia – 2a parte.

Come un edificio certificato dà garanzia a una parte interessata, e come questo può essere spiegato all’acquirente in maniera semplice?

Ci sono due discorsi diversi: uno, quando una persona prende una decisione noi forniamo tutto l’aiuto. Due: Quando una persona prende un ufficio o un appartamento LEED, riceve il libretto dell’edificio, perché LEED obbliga a documentare tutto ciò che è dentro un edificio, cosa non abituale nell’edilizia, nonostante si tratti di valori elevati. Riceve quindi anche le istruzioni per la gestione: per le scuole, ad esempio, LEED incentiva il fatto che l’edificio in quanto tale diventi uno strumento didattico, quindi...

leggi tutto

logo

Intervista a Mario Zoccatelli, Presidente del Green Building Council Italia – 2a parte.

Come un edificio certificato dà garanzia a una parte interessata, e come questo può essere spiegato all’acquirente in maniera semplice?

Ci sono due discorsi diversi: uno, quando una persona prende una decisione noi forniamo tutto l’aiuto. Due: Quando una persona prende un ufficio o un appartamento LEED, riceve il libretto dell’edificio, perché LEED obbliga a documentare tutto ciò che è dentro un edificio, cosa non abituale nell’edilizia, nonostante si tratti di valori elevati. Riceve quindi anche le istruzioni per la gestione: per le scuole, ad esempio, LEED incentiva il fatto che l’edificio in quanto tale diventi uno strumento didattico, quindi prevede che si documentino tutte le caratteristiche positive in modo che siano visibili, per cui una visita a una scuola LEED diventi una lezione in quanto tale.

LEED quindi è di garanzia per gli occupanti, per gli acquirenti e per i proprietari della casa. Ma può essere utilizzato come strumento formativo?

Assolutamente. Per quanto riguarda il benessere, non stiamo parlando di dichiarazioni di intenzioni; questo è un sistema americano, gli americani fanno un’affermazione e poi vanno a verificarla. Per esempio, per quanto riguarda le scuole, ne hanno prese alcune di assolutamente comparabili, e hanno verificato malattia, assenteismo e apprendimento nel corso di anni. Risulta che le scuole costruite con l’approccio LEED hanno risultati migliori da tutti i punti di vista, e poiché si tratta di risultati dell’ordine dei 15-20%, non sono dovuti ad elementi casuali, ma differenze statisticamente significative. Il dato certo è che la vita della comunità in una scuola LEED è migliore che in situazioni analoghe in edifici che non hanno seguito questo sistema.

A questo punto sorge spontanea una domanda, che possiamo definire cattiva: che costo ha costruire LEED? Aggiunge valore o aggiunge costi?

C’è il mito che se si fa una cosa fatta bene e sostenibile, costa cara. Per prima cosa, bisogna vedere da dove si parte: se da un’edilizia speculativa di bassa qualità, LEED costa di più, ma non perché è questo sistema che costa, ma è l’edificio di buona qualità che sotto certo costi non può andare. Se si prende però un edificio di buona qualità, LEED non costa niente di più. Facciamo i numeri: è chiaro che con 700 euro a metro quadro, non si costruisce LEED. Ma tra i 1000-1100 e i 1500 ci può stare. Il costo molto elevato di LEED è il cervello: non possono esserci professionisti pigri, che non studiano, che non amano il loro mestiere.

Qual è l’effettiva applicabilità degli standard LEED? Solo pubblico? Solo all’ambito privato? Solo ai nuovi edifici?

Beh, LEED in realtà effettivamente è una famiglia. Se si fa una piccola costruzione, la filosofia è la stessa, ma ovviamente c’è una procedura semplificata; se si fa un grattacielo, bisogna fare calcoli molto sofisticati. Ci sono quindi i…che si articolano, che vanno dalla zona, quindi si può certificare il territorio, la piccola o la grande costruzione, e poi LEED prende in consegna –sempre su base volontaria- l’edificio e lo accompagna per tutto il costo della vita. Chi lo sta facendo? Tutti! Noi in Italia abbiamo un centinaio di progetti in questo momento, per un valore elevato; stiamo parlando di due miliardi e mezzo o tre, quindi anche progetti di grandi dimensioni, ma dentro questi due miliardi ciò ci sono anche piccole case, costruzioni. Va dunque per il pubblico e il privato, tutte le tipologie. Al SAIE è stata ospite una dirigente di un’associazione americana che usa LEED per quello che noi chiamiamo “social housing”, cioè è possibile fare edilizia abitativa, residenziale LEED nell’ambito dei parametri di costo di quello che per noi sono i social housing.

Una sfida importante è legata ai temi sociali, che coniugano sociale ed ambiente. Come è possibile sviluppare ciò che negli Stati Uniti viene chiamato Affordable Housing? LEED prende a riferimento tutta la filiera delle costruzioni, o solo una parte?

Per giungere a certi  risultati, i costi non sono quelli dei soldi, ma quelli delle abitudini: per esempio, lavorare in maniera separata, l’architetto da una parte e l’ingegnere e il geometra dall’altra. Non funziona, bisogna imparare da una parte a lavorare insieme, perché solo in questa maniera si riesce ad ottimizzare il risultato tra parametri diversi, dall’altra bisogna accompagnare tutti all’interno del progetto dall’inizio alla fine poiché questo coinvolge si progettisti e costruttori, ma coinvolge anche fornitori di prodotti perché i prodotti, si tratti di mattonelle, mattoni, muro, componenti o impianti devono tutti concorrere a realizzare un obiettivo ambizioso di qualità.

Bè noi riteniamo che LEED sia importante, sicuramente è uno degli standard più importanti e più interessanti; ma in Italia va sviluppato e anche per questo al SAIE è stato creato “Piazza Italia”, un evento importante per promuovere LEED e per diffonderlo su tutta la filiera degli attori del settore delle costruzioni.

 

www.videodimpresa.com


Categorie

CANALI: Etica & Sostenibilità
FORMAT: Punti e Capi

Commenti

Per inserire un commento, devi essere iscritto e loggato


Video Collegati

Favorire l'impollinazione

TED.com - Anil Gupta: India's hidden hotbeds of invention

Il Design guidato dalle emozioni!

Maurizio Longati 2a parte

La plastica si può riciclare!

TED.com - Mike Biddle

Plastica biodegradabile in acqua... genialità o pazzia!?!

Marco Astorri

Costruire Green, sfida possibile!

Mario Zoccatelli - 1a parte

Tag Cloud

videodimpresa

condividi

Facebook
Twitter
© 2010 Tutti i Diritti Riservati a www.castaspell.it
SPELL s.r.l. Via degli Orefici,2 - 40124 BO Tel. +39 051.222.186 - Fax. +39 051.271.529
E-mail: info@castaspell.it - P.Iva 02144021207 - Cap. Soc. € 20.000,00 I.V.
R.I. BO, P. Iva e Cod. Fiscale 02144021207- R.E.A. BO 415884
Created by BJGroup