4,67

6001 visualizzazioni

Aggiungi alla playlist
Vota:
Vuoi inserire questo video nel tuo sito? Copia e incolla il codice riportato sopra nella tua pagina web!

Facebook

Twitter

Tattica o strategia? Questo è il problema!

Andrea Dalledonne

 

Consulente di strategia e polemologo

Nuovo appuntamento con Andrea Dalledonne! Andrea oggi ci parlerà di tattica e strategia: militare, aziendale, entrambe, boh?! Questi due termini sono spesso utilizzati nelle logiche aziendali, talvolta a sproposito. Con questo intervento cercheremo di fare chiarezza sul significato dei termini e sul collegamento che c'è fra i due.

Trascrizione

Tattica e strategia sono due concetti molto usati in azienda, e derivano evidentemente dal mondo militare. Ci puoi illustrare la differenza?


Tattica e strategia sono esclusivamente riferibili alle scienze militari. Vi leggo una frase che credo chiarisca molto bene il concetto: “la strategia studia le leggi di insieme del conflitto. Compito della tattica è di studiare i singoli aspetti che reggono una particolare situazione. Esiste quindi una relazione strutturale tra strategia e tattica, con la grammatica tattica non si possono correggere difetti di logica strategica.

leggi tutto

logo

Tattica e strategia sono due concetti molto usati in azienda, e derivano evidentemente dal mondo militare. Ci puoi illustrare la differenza?


Tattica e strategia sono esclusivamente riferibili alle scienze militari. Vi leggo una frase che credo chiarisca molto bene il concetto: “la strategia studia le leggi di insieme del conflitto. Compito della tattica è di studiare i singoli aspetti che reggono una particolare situazione. Esiste quindi una relazione strutturale tra strategia e tattica, con la grammatica tattica non si possono correggere difetti di logica strategica. E’ altrettanto vero che la logica strategica deve tenere conto delle esigenze della grammatica tattica”.

Questa frase è di Mao Tse Tung, che richiama concetti già espressi da Sun Tzu; direi dunque che la differenza tra tattica e strategia sono elementi fondamentali della condizione e della capacità di essere leader. Strategia, dal greco “stratein agros”, condurre un esercito, e tattica, dal greco “taktikè”, ordinare le cose. La tattica è sempre ancella della strategia. Il disegno strategico è sempre primari: pensiamo ad Annibale, la grande traversata delle Alpi per giungere sul territorio di Roma, pensiamo a Cesare che sposta il conflitto dalla Gallia alla Britannia.

La superiorità strategica, la visione di lungo periodo che dà la capacità poi di tradursi in azioni operative, un insieme schematico e ordinato, quindi la tattica. E lo strumento attraverso al quale traduciamo un pensiero, un progetto di lungo periodo, il sogno in quegli strumenti operativi che consentono poi di vincere nella quotidianità.


E in azienda? Quali errori fanno i manager più di frequente?


L’errore che si fa più frequentemente è quello di confondere la tattica con la strategia, cioè l’esercizio dello strumento quotidiano con il sogno, il percorso di lungo periodo, l’obiettivo. Anche i questo caso vorrei leggervi una frase “tra strategia e tattica la differenza non è quantitativa, ma qualitativa. Tattica è la scienza di dare applicazione al concetto strategico.” Se manca il concetto strategico, possiamo essere i migliori tattici del mondo, avere in azienda le migliori soluzioni, le migliori risorse, i migliori processi organizzativi, i migliori assetti organizzativi, ma siamo destinati tragicamente a fallire.


Prendiamo per esempio sempre l’arte belli. Se ripensiamo alla seconda guerra mondiale, una capacità assolta di grande prevalenza strategica da parte dei tedeschi e del loro esercito in generale, ma mancava la complessità, il disegno strategico di lungo periodo.  E’ impossibile aprire tanti fronti contemporaneamente, avere un disegno che potesse consentire di prevalere a Occidente, a Oriente, in Africa, al Sud e al Nord, quindi aprendo una complessità totale. Sul piano tattico assolutamente superiori, sul piano strategico era impossibile raggiungere una vittoria.


Gli errori servono solo se impariamo a non rifarli. Dalle grandi sconfitte in guerra, c’è qualcosa che possiamo imparare?


La storia è una severa maestra, ma le sue lezioni costano care. Io credo che ci sia molto da imparare, soprattutto perché se noi guardiamo i miliardi di anni di storia militare, abbiamo da imparare una lezione straordinaria: gli Dei rendono arroganti coloro che vogliono distruggere. E’ una frase tratta da Omero, l’Iliade, e in qualche modo da me ereditata.

Se guardiamo delle grandi catastrofi militari sono sempre contraddistinte prima da un elemento: gli Dei hanno reso arroganti coloro che volevano distruggere, li hanno dunque messi in condizioni di fare cose che non erano in grado di fare. Pensiamo a Napoleone, alla campagna di Russia e a quella di Spagna: Napoleone non era in grado logisticamente  di reggere l’afflizione rappresentata da andare a combattere a 3000km dalle sue basi logistiche, ma gli Dei lo hanno reso arrogante, ci è andato, e lì ha trovato l’inizio della sua parabola discendente. La stessa cosa possiamo riprenderla sulla II Guerra Mondiale: anche lì torna l’elemento dell’Oriente.

E ancora, in tante avventure della nostra Roma antica: i Romani vogliono andare a Nord, e anche i questo caso gli Dei li resero arroganti ed indussero le persone a fare cose che non potevano fare, quindi a sconfitte inevitabili. Se guardiamo le storie aziendali degli ultimi periodi, credo che abbiamo molto da imparare. Molte volte abbiamo visto arroganza che si è inevitabilmente tradotta in grandi fallimenti: pensiamo alla storia recentissima delle grandi bolle speculative legate al mondo della tecnologia e della comunicazione. Erano molto arroganti.

www.videodimpresa.com

 


Categorie

CANALI: Strategia
FORMAZIONE: Il Prof

Commenti

Per inserire un commento, devi essere iscritto e loggato


Video Collegati

Dabbawala: umani vs tecnologia 2-0!

Dabbawala

Fango sudore e impresa

Andrea Dalledonne - prima parte

Fango, sudore e impresa

Andrea Dalledonne - seconda parte

Meglio un capo temuto oggi che uno amato domani?!

Andrea Dalledonne

Downshifting: ribilanciare le priorità!

Simone Perotti

Tag Cloud

videodimpresa

condividi

Facebook
Twitter
© 2010 Tutti i Diritti Riservati a www.castaspell.it
SPELL s.r.l. Via degli Orefici,2 - 40124 BO Tel. +39 051.222.186 - Fax. +39 051.271.529
E-mail: info@castaspell.it - P.Iva 02144021207 - Cap. Soc. € 20.000,00 I.V.
R.I. BO, P. Iva e Cod. Fiscale 02144021207- R.E.A. BO 415884
Created by BJGroup