0,00

3121 visualizzazioni

Aggiungi alla playlist
Vota:
Vuoi inserire questo video nel tuo sito? Copia e incolla il codice riportato sopra nella tua pagina web!

Facebook

Twitter

Social Media vs PMI: chi la spunterà?

Matteo Bianconi - prima parte

 

Copywriter e Social Media Strategist di Pragmatika

Questa volta è venuto a trovarci Matteo Bianconi, Copywriter e Social Media Strategist. Matteo ci parla del panorama italiano in rapporto al Web 2.0: i mercati sono conversazioni, e la rete ne è l’esempio più eclatante. Ma come si approcciano le aziende ai Social Media? E quali sono gli errori più grossolani che spesso esse compiono? Scopriamolo in questa intervista!

Trascrizione

E’ venuto a trovarci Matteo Bianconi, Copywriter e Social Media Strategist, al quale rivolgiamo la domanda che facciamo tipicamente a tutti coloro che fanno il suo mestiere: le aziende italiane hanno capito cosa sono i Social Media?


La stragrande maggioranza delle aziende italiane, non l’ha capito. O almeno, l’hanno capito ma non sanno che farsene, nel senso che non sanno mettersi in gioco. Spesso e volentieri lo fanno male, danno in affidamento i Social Media a gente che non li sa utilizzare; non che non siano buoni lavoratori, semplicemente non hanno le conoscenze specifiche.
 

leggi tutto

logo

E’ venuto a trovarci Matteo Bianconi, Copywriter e Social Media Strategist, al quale rivolgiamo la domanda che facciamo tipicamente a tutti coloro che fanno il suo mestiere: le aziende italiane hanno capito cosa sono i Social Media?


La stragrande maggioranza delle aziende italiane, non l’ha capito. O almeno, l’hanno capito ma non sanno che farsene, nel senso che non sanno mettersi in gioco. Spesso e volentieri lo fanno male, danno in affidamento i Social Media a gente che non li sa utilizzare; non che non siano buoni lavoratori, semplicemente non hanno le conoscenze specifiche.
Ovviamente ci sono alcuni casi in cui le aziende fanno bene il loro mestiere: le multinazionali, soprattutto, sono già avanti, ma sostanzialmente vengono dall’America, o da altre Nazioni.
Il panorama italiano è costellato dalle PMI, che ci stanno arrivando; quest’anno sembra che qualcosa si stia muovendo, però rispetto ad altri Paesi siamo molto indietro.


Matteo, ci vuoi descrivere gli errori più tipici che fanno le PMI quando approcciano i Social Media?


L’errore tipico in assoluto è quello di vedere ancora il Social Media come una vetrina: un repository, qualcosa dove nella logica del Web 1.0 si metteva la foto, la descrizione e si pensava che il consumatore abboccasse all’amo. I Social Media non sono così, sono conversazioni, relazioni, bisogna curarle, ma specialmente nelle aziende ci si ferma al gradino precedente, non sanno passare oltre.
Ti trovi la pagina di Facebook dove c’è qualche foto, qualche informazione, qualche descrizione e nulla più: è come un sito degli anni ’90. Su Facebook però non c’entra nulla: uno degli errori più tipici avviene quando l’utente arriva sulla pagina dell’azienda, magari ha qualcosa da dire, da condividere, da chiedere, da segnalare...qualsiasi cosa. Tutti son felici perché hanno fatto un commento sulla Fan-Page ma...chi risponde? Duplice svantaggio quindi: l’azienda fa una brutta figura perché non risponde, il consumatore non è felice.


Ma non può trattarsi semplicemente di timidezza da parte delle aziende nell’uso dei Social Media?


Può essere timidezza, può essere il fatto di voler controllare ogni cosa. Un’azienda vuole spesso il controllo: dell’informazione, del prodotto, del ROI, tutto. Su Internet, nei Social Media, il controllo non può esserci più di tanto; si può chiamare timidezza, ma anche il fatto che le organizzazioni non vedono ancora il consumatore come è adesso, cioè molto più consapevole di tutto ciò che gli sta intorno. I Social Media in un certo senso hanno dato molto più potere al consumatore; non è un caso che l’80% dei consumatori si informa su un prodotto attraverso l’opinione degli altri consumatori. E dove si informa? Su Facebook, Google, Twitter...


www.videodimpresa.com


Categorie

CANALI: Strategia, Marketing
FORMAZIONE: Il Prof

Commenti

Per inserire un commento, devi essere iscritto e loggato


Video Collegati

La coda lunga!

Ted.com - Chris Anderson

Dabbawala: umani vs tecnologia 2-0!

Dabbawala

Il Design guidato dalle emozioni!

Maurizio Longati 2a parte

L'uomo che "odia" il marketing!

Gianluca Diegoli - primo episodio

L'uomo che "odia" il marketing!

Gianluca Diegoli - secondo episodio

Tag Cloud

videodimpresa

condividi

Facebook
Twitter
© 2010 Tutti i Diritti Riservati a www.castaspell.it
SPELL s.r.l. Via degli Orefici,2 - 40124 BO Tel. +39 051.222.186 - Fax. +39 051.271.529
E-mail: info@castaspell.it - P.Iva 02144021207 - Cap. Soc. € 20.000,00 I.V.
R.I. BO, P. Iva e Cod. Fiscale 02144021207- R.E.A. BO 415884
Created by BJGroup